Vigore del vigneto

vs.

qualità delle uve

MONITORARE IL VIGORE DEL VIGNETO E LA QUALITÀ DELLE UVE PER PROGRAMMARE INTERVENTI DI CONCIMAZIONE RATEO VARIABILE


Articolo a cura del Dott. Marco Sozzi, Università degli studi di Padova

 

Lo stato nutrizionale della vite e le conseguenti caratteristiche delle uve da esse ottenute sono la diretta conseguenza di numerosi fattori che possono variare in termini spaziali e temporali.

Le condizioni pedoclimatiche in primis influenzano lo sviluppo vegetativo della vite a partire dall’impianto fino all’entrata in produzione.

La corretta preparazione e lavorazione del terreno a partire dalla fase di impianto rappresenta un presupposto fondamentale per la moderna viticoltura.

Lo strato attivo del suolo infatti deve essere opportunamente gestito in fase di predisposizione delle sistemazioni idrauliche e dei livellamenti, ripristinandolo una volta terminati i lavori.

Analogamente la scelta del portainnesto deve tenere in considerazione le caratteristiche edafiche le quali possono variare a seconda delle diverse aree del vigneto.

Le differenti condizioni di crescita delle viti presenti in un vigneto caratterizzato da elevata variabilità spaziale possono determinare modificazioni fisiologiche che possono alterare i sottocicli di sviluppo della vite (principalmente differenziazione delle gemme e maturazione).

Le conseguenze di questa condizione implicano differenze, anche ragguardevoli, nella quantità di uva prodotta e nelle sue caratteristiche qualitative.

Al fine di gestire e, se possibile, correggere questa variabilità possono essere utilizzate le moderne tecnologie di viticoltura di precisione le quali prevedono interventi agronomici differenziati a seconda delle caratteristiche che il trinomio suolo-vite-clima assume in ogni area del vigneto.

Questo approccio è stato attuato all’interno di una sperimentazione biennale condotta dai ricercatori del dipartimento TeSAF dell’Università di Padova e del CREA-vit di Conegliano (TV).

Nello specifico un vigneto caratterizzato da un’elevata variabilità spaziale è stato monitorato per mezzo di un sensore spettrale attivo (GreenSeeker, Trimble Agriculture), il quale è stato utilizzato anche per la concimazione rateo variabile on-the-go del vigneto, attraverso un approccio semplificato che non richiede la preparazione di mappe di prescrizione.

Per quanto riguarda la misurazione degli effetti correttivi della concimazione a rateo variabile, sono stati identificati dieci punti di campionamento in funzione del vigore vegetativo permettendo di identificare 4 punti a basso vigore, 3 punti a vigore medio e 3 punti ad alto vigore. In questi punti è stata monitorata la dinamica di maturazione utilizzando una metodologia speditiva la quale permette di determinare analiticamente il contenuto di glucosio+fruttosio, acidità titolabile, pH, azoto prontamente assimilabile, acido malico e acido tartarico utilizzando un analizzatore colorimetrico ed enzimatico (Smart Analysis, DNA Phone).

 

COMPILA IL FORM E SCARICA L’ARTICOLO CHE RIASSUME I PRIMI RISULTATI DEL PROGETTO








    Privacy Preferences
    When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.