Misura del colore del vino con Cielab

Compila il form per ricevere il report sul metodo CIELab per l’analisi del vino 

    Ho letto e accetto la Privacy

    [anr_nocaptcha g-recaptcha-response]

    Il colore del vino in modo preciso ed accurato con il metodo di riferimento CIELab

    Grazie alla nuova tecnologia Smart Analysis è possibile anche in cantina, in totale autonomia con un semplice click

    Nel 2006 l’Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino (OIV) ha sostituito e declassato il metodo “classico” basato sulla misura dell’assorbanza a tre lunghezze d’onda con il metodo CIELab, che è diventato quindi il metodo di riferimento (di TIPO 1) per l’analisi del colore del vino.

    Perché?
    Metodo classico vs. metodo CIELab

    METODO CLASSICO

    utilizza 3 lunghezze d’onda 420-520-620 nm.

    Non è la reale misura del colore ma un metodo approssimato per avere indicazioni di intensità e tono.

    Anche se incompleto, questo metodo è stato utilizzato (e tutt’ora si utilizza) come misura del colore sia per la semplicità del metodo e interpretazione del dato, sia per un limite tecnologico degli strumenti maggiormente utilizzati.

    Coefficienti del metodo classico:

     

        •  Intensità = A420 + A520 + A620
        • Tono = A420 / A520

    METODO CIELAB

     utilizza 80 lunghezze d’onda tra i 380 e 780 nm.

    È la rappresentazione del colore più vicina alla percezione umana.

    Utilizzando specifici algoritmi che simulano il comportamento dell’occhio umano, le 80 lunghezze d’onda vengono trasformate in tre coefficienti C, H e L che rappresentano in modo univoco e oggettivo le caratteristiche cromatiche di ogni campione di vino.

    Coefficienti del metodo CIELab:

        • a = rosso/verde, b = giallo/blu
        • Chroma = (a2 + b2)1/2
        • Heu = arctan(b/a)
        • L = degree of lightness

    In generale, i vantaggi del metodo CIELab rispetto al metodo “classico”:

    • fornisce un’analisi del colore reale usando tutto lo spettro del visibile tra i 380 – 780 nm

    • permette di distinguere in modo univoco e oggettivo le caratteristiche cromatiche del vino

    • è l’ultimo standard di colorimetria Internazionale (CIE) ed è la rappresentazione del colore più vicina alla percezione dell’occhio umano

    • permette una facile rappresentazione sia numerica che grafica del colore

    • è l’unico metodo che permette di quantificare numericamente le differenze di colore tra diversi campioni di vino

     

    Per realizzare l’analisi del colore con il metodo CIELab (secondo OIV) occorrono:

    • Spettrofotometro, per misure di assorbimento in trasmissione su tutto lo spettro del visibile 

    • Algoritmi di calcolo complessi per convertire i dati di assorbanza nei tre coefficienti L, C e H

    • Software grafico per la rappresentazione del campione nello spazio colore

    La tecnologia spettrofotometrica e gli algoritmi di calcolo erano già presenti fin dalla definizione del metodo CIELab.

    Il grande limite nella diffusione di utilizzo del metodo è legato principalmente alla mancanza di un software in grado di rappresentare e interpretare in modo semplice i risultati nello spazio colore.

    Grazie alle nuove tecnologie è oggi possibile realizzare la misura del colore con il metodo CIELab, secondo le linee OIV, in modo estremamente semplice e rapido, con un semplice click!

    Compila il form per ricevere il report sul metodo CIELab per l’analisi del vino 

      Ho letto e accetto la Privacy

      [anr_nocaptcha g-recaptcha-response]

      Privacy Preferences
      When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.